Chiamate o email in nome della truffa Poste italiane da ufficio postale 52: è un falso accredito

truffa Poste italiane
truffa Poste italiane

Bisogna fare moltissima attenzione in queste ore alla cosiddetta truffa Poste italiane, legata al presunto ufficio postale 52, in quanto secondo quanto riportato anche da fonti ufficiali si tratterebbe di un falso accredito che viene annunciato tendenzialmente via email. Anche se non si esclude che malintenzionati possano spacciarsi per il noto ente anche attraverso delle chiamate (diverse dunque dalle più recenti indesiderate). A tal proposito, appena avremo informazioni in merito a numeri utilizzati da tali soggetti dedicheremo un approfondimento sulla questione.

A quanto pare la truffa Poste italiane viene inoltrata in questi giorni sia ai titolari di un conto BancoPosta, sia a coloro che invece non hanno alcun legame con questo brand. Inutile dire che i primi, soprattutto in riferimento a chi non ha conoscenze avanzate sulle tecniche adottate in Rete dai malintenzionati sono più soggetti a rischi. Fondamentalmente, il presunto Ufficio Postale 52 pare stia richiedendo alle vittime di fornire dei dati riguardanti il proprio conto per assicurare poi allo stesso utente un accredito che in realtà non esiste.

Ecco perché arriva direttamente da organi ufficiali, tramite i rispettivi canali social, una precisazione in merito alla truffa Poste italiane. Fondamentalmente, quest’ultima sta ricordando a tutti di non essere solita utilizzare un approccio simile e che fornire codici personali, ma soprattutto dati delle carte di credito o prepagate ci espone inevitabilmente a tentativi di frode. Insomma, cestinate sempre all’istante messaggi di questo tipo.

Qualora doveste avere dubbi sulla natura di determinate comunicazioni, al più potete contattare Poste italiane tramite numeri ufficiali. In questo modo otterrete tutti i chiarimenti del caso. Occhi apertissimi, dunque, perché da quello che ci risulta la truffa Poste italiane è diffusissima e a quanto pare ha già fatto qualche vittima, nonostante le raccomandazioni che abbiamo condiviso con voi oggi. Vi siete imbattuti in messaggi simili negli ultimi tempi? Scriveteci pure e verremo in vostro soccorso.